Viaggio in Burkina Faso 1-13 ottobre 2008

Susanna Chiti, Tullio Ceconi, Sante Mariuz (Presidente dell’Associazione), si sono recati in Burkina, nel secondo ed ormai consueto appuntamento annuale (dopo quello di febbraio).

Susanna si fermerà a Nouna per un periodo di circa sei mesi per seguire e coordinare tutte le attività, per conto della Pentalux.
In occasione del loro arrivo, si è tenuta la seconda riunione annuale del Consiglio di Amministrazione del reparto di Oftalmologia dell’Ospedale. Nella riunione è stata fatta la verifica delle attività del Centro.

– Per quanto riguarda il funzionamento ordinario del Centro, la nostra Associazione ha sottoscritto una Convenzione con il Ministero della Sanità del Burkina per svolgere le attività nel rispetto della legislazione vigente e del programma sanitario nazionale.
– Si è stipulato un accordo con il Distretto sanitario di Nouna con il quale sono state precisate le modalità operative, congiunte, di intervento sul territorio.
– Come conseguenza di questi due documenti c’è un riconoscimento ufficiale delle autorità del Burkina della nostra Associazione in ambito sanitario.
– Il Consiglio di Amministrazione ha ribadito che bisogna operare per raggiungere la massima trasparenza nelle forme di finanziamento al Centro. Si è evidenziato un problema di retribuzione del personale, con richiesta di adeguamento del salario ed equiparazione di esso per il personale pagato dallo Stato e quello finanziato dalla Diocesi, che risulta inferiore.
– Si provvederà al completamento e alla conclusione del progetto biennale di depistaggio che coinvolge i bambini delle Scuole Primarie: anche per il secondo anno si prevede il controllo della vista di 15000 bambini. L’Associazione vuole farsi carico anche delle problematiche della vista emerse.
– Si è avuto l’incontro con “Light of the world” una O.N.G. di Vienna che è subentrata nel pagamento del personale non statale all’O.N.G. che si occupa della cecità su base mondiale, la C.B.M., attiva anche in Italia. In un’ottica di collaborazione si è confermato il sostegno futuro al Centro.
– E’ stata sottoscritta una Dichiarazione di continuità nel supportare il Centro da parte della Pentalux, con impegno futuro triennale.

Al rientro in Italia si è cercato un contatto con la Clinica Universitaria di Udine per verificare la possibilità di sviluppare il progetto di depistaggio estendendolo ai bambini che non frequentano la scuola (circa il 70%) e per coordinare, eventualmente, i dati statistici emersi dal controllo della vista.

Siamo in attesa di conoscere gli esiti contabili della Regione Veneto, cui ci siamo rivolti, tramite la nostra sede di Vicenza, per chiedere un contributo per un progetto di costruzione di una struttura in cui sia presente un laboratorio ottico ed un servizio di riabilitazione nel campo profughi di Bol-la, in Algeria sud-occidentale, presso uno dei campi profughi dei Saharawi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>